Mille Miglia 2013, onori della gloria per una Bugatti del 1927

La Mille Miglia 2013 si è chiusa con il successo degli argentini Juan Tonconogy e Guillermo Berisso, su una Bugatti T40 del 1927. I due sono stati più efficaci degli altri sul gioiello di Molsheim, vincendo la sfida di regolarità.

Dietro di loro hanno chiuso Giordano Mozzi e Mark Gessler, su Alfa Romeo Gran Sport del 1933, costretti ad accontentarsi del secondo posto al traguardo di Brescia.

Gradino più basso del podio per Giovanni Moceri e Tiberio Cavalleri, giunti terzi in classifica generale con la loro Aston Martin Le Mans del 1933. Alla rievocazione storica della mitica “Freccia Rossa” è dedicata una gallery dei cugini di Autoblog, che vi consigliamo di ammirare in ogni scatto, perché offre una tela completa e di qualità sulla manifestazione appena andata in archivio.

Juan Tonconogy, che conferma la gloriosa tradizione argentina nelle prove di precisione, è da poche ore il più giovane vincitore della mitica kermesse motoristica dedicata alle auto d’epoca, in onore di una gara del passato che ha lasciato una traccia indelebile nella storia dell’agonismo a quattro ruote.

Oggi quella sfida rivive nella memoria ma anche nella dimensione tangibile della rievocazione ed offre al godimento del pubblico dei modelli straordinari, provenienti da ogni angolo del mondo, per soddisfare la passione di collezionisti facoltosi e generosi, che affrontano con piacere il lungo itinerario da Brescia a Roma e ritorno.

Anche quest’anno in tutte le località attraversate l’abbraccio del pubblico è stato affettuoso, perché la Mille Miglia appartiene al patrimonio di tutti, anche di chi non può permettersi di parteciparvi, per mancanza del mezzo e dei soldi necessari ad affrontare l’impegno.

Via | Autoblog.it

  • shares
  • Mail