Bonhams mette all'asta una Ferrari 375 Plus

I cugini di Autoblog ci informano che Bonhams metterà all’asta uno dei pochi esemplari costruiti della Ferrari 375 Plus.

A Ferrari 375 Plus of 1954 is shown on A

La casa d’aste Bonhams ha ricevuto la procura di vendita per mettere all’incanto una straordinaria Ferrari 375 Plus. Dall'alienazione, in programma il 27 giugno al Festival of Speed di Goodwood, potrebbe derivare un valore record, come accade spesso per le splendide auto di Maranello.

L’esemplare in vendita ha un curriculum luminoso, il cui fiore all’occhiello è il successo alla 24 Ore di Le Mans del 1954, con Gonzales e Maurice Trintignant. Questo palmares dovrebbe far lievitare ulteriormente le quotazioni.

Ecco il mio profilo del modello:

La Ferrari 375 Plus nasce come sviluppo della 375 MM e consegna alla Casa di Maranello un altro Campionato Mondiale Costruttori. E’ il secondo sigillo iridato per la piccola azienda del Commendatore, destinata a scrivere i versi più belli della romantica poesia del motorismo.

I lineamenti della carrozzeria non le daranno accesso alle alte sfere del design, ma espri-mono correttamente il lessico della forza sportiva che l’auto possiede. La sua missione è vincere e l’obiettivo sarà centrato. I tifosi del “cavallino rampante” avranno di che gioire. La prosperosa sagoma della 375 Plus, che evoca fortemente le prestazioni di cui è capace, mira a soddisfare le pure esigenze funzionali. Per questo l’alluminio si limita a fasciare la nobile meccanica che ne anima le fasi dinamiche. Il risultato è interessante, ma altri prodotti Ferrari interpretano meglio le necessità tecniche.

La nuova collocazione del serbatoio e della ruota di scorta determina il massiccio rigon-fiamento alle spalle dell’abitacolo. Questo è delimitato sul lato destro da una vistosa ap-pendice, che cerca di armonizzare la protuberanza col resto della carrozzeria. Sembra la pinna di uno squalo vorace, pronto ad aggredire le prede. Così sarà! Il motore, davvero gagliardo, è il suo punto di forza. Di chiara matrice agonistica, sprigiona energia pura, fie-ramente esibita da ognuno dei 330 scalpitanti cavalli. E’ un diretto discendente di quello delle monoposto dei primi anni Cinquanta. Disposto anteriormente, in senso longitudinale, sfoggia una cilindrata di 5 litri.

Grazie agli affinamenti effettuati nel corso della stagione la potenza subirà un significativo incremento, passando a 347 CV. Un valore mostruoso, capace di consegnare ricordi indelebili agli appassionati che assistono alle prove di casa. Memorabili le tracce di gomma lasciate sull’asfalto da Mike Hawthorn durante i suoi allenamenti a Maranello. I poveri freni a tamburo sono chiamati a un’immane fatica, nel tentativo di rallentare la foga del bolide “rosso”. Il telaio è costituito da un fitto reticolo in tubi di acciaio sul quale si adagia la carrozzeria in alluminio.

Per ospitare al meglio il corposo 12 cilindri, il passo viene accresciuto a 2.60 metri. Questa misura si ripeterà spesso nella storia della Casa di Maranello, diventando lo standard per le versioni Lwb della gloriosa serie 250. Il peso di ciascuno dei 6 esemplari prodotti si atte-sta sui 900 Kg. La scheda tecnica pone delle ottime premesse e l’auto si affezionerà pre-sto al gradino più alto del podio. Nino Farina è primo al Gran Premio d’esordio, che si di-sputa sul circuito di Agadir il 28 febbraio del 1954. Sembra proprio che un’occulta regia abbia voluto destinare un omaggio al Commendatore, che dieci giorni prima festeggiava il suo cinquantaseiesimo compleanno.

Nelle settimane successive la 375 Plus viene iscritta al Giro di Sicilia, per testare l’efficienza delle modifiche ideate da Aurelio Lampredi. Sulle impervie strade isolane la creatura, guidata da Umberto Maglioli, detta subito il ritmo, prima di essere costretta al ritiro dalla perdita di una ruota nei pressi dell’abitato di Enna. Lo sfortunato “allenamento” non sortisce gli effetti sperati e le vetture impegnate nella maratona bresciana, condotte da Umberto Maglioli e Nino Farina, non brilleranno, a causa della fitta pioggia e del tormentato manto stradale, che le rende ingovernabili.

L’aitante “rossa” sembra eccessiva rispetto al contesto ambientale in cui è costretta ad esprimersi. La rivincita non tarderà ad arrivare e, con guida funambolica, Josè Froilan Gonzales riesce ad aggiudicarsi la prova che si disputa sul veloce circuito di Silverstone. La freccia scarlatta arriva prima anche alla 24 Ore di Le Mans, con Gonzales e Trintgnant, e alla Carrera Panamericana, con Umberto Maglioli. Una buona annata per un modello che ha ben meritato il “cavallino rampante” incassato sul cofano, conquistato a suon di galloni sui campi di gara. Un’altra felice parentesi della storia Ferrari è stata scritta.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail