Mercedes-Benz Italia apre il primo caffè all'aeroporto di Roma Fiumicino

L’Aeroporto Intercontinentale Leonardo da Vinci di Fiumicino ha una nuova porta d’ingresso al mondo della “stella”, con il Mercedes-Benz Cafè, concepito all’insegna dello stile.

Mercedes Benz caffé

Mercedes-Benz Italia apre il suo primo caffè all’aeroporto di Roma Fiumicino, con un esclusivo punto di incontro dove regalare la magia della “stella” al pubblico italiano, in una veste diversa da quella rituale, ma sotto le note della classe e dello stile tipici del marchio tedesco.

Il locale, nato in collaborazione con Autogrill, offrirà una selezione di prodotti frutto dell’esperienza dello chef stellato Davide Oldani, per la gioia di chi viaggia o di chi, per altri motivi, si trova nello scalo capitolino.

Per Mercedes-Benz l’iniziativa rientra nel quadro dei nuovi servizi offerti dal brand, in quella cornice di prodotti e modelli di business innovativi in grado di rispondere e spesso anticipare le esigenze dei clienti, cui la casa di Stoccarda presta sempre la massima attenzione.

Una formula felice, per tenere caldo l’interesse anche fuori dai canali strettamente connessi al settore automotive, perché l’immagine è il frutto di una somma di input sensoriali, destinati ai cultori del bello, a prescindere dal fatto che abbiano o meno in garage una vettura della “stella”.

Il Mercedes-Benz Cafè di Fiumicino porta la firma dei creativi dell’Advanced Design Center di Como, impegnati sugli interni delle autovetture del marchio così come sulla linea di arredamento Mercedes-Benz Home Collection, con la consulenza di F&Fdesignstudio di Torino.

Il risultato dei loro sforzi è uno spazio commerciale gradevole e moderno, dominato da materiali come legno e acciaio, sobrie tonalità nero-nocciola per superfici e arredi, e da un light design che valorizza le linee morbide della struttura. Ne deriva un quadro prezioso ed elegante, che suscita interesse con le note delle sue alchimie, il cui apice è raggiunto nell’esclusiva lounge, un’oasi di relax per il consumo slow, che diventa il fiore all’occhiello del locale.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: