Mille Miglia 2014, vince una Lancia davanti all’Alfa Romeo di Autoblog.it

E’ la rievocazione storica più conosciuta su scala mondiale ed ogni anno richiama in Italia il meglio del collezionismo internazionale.

1000-miglia-2014-alfa-romeo-6c-1750-03

La Mille Miglia 2014 è stata vinta da Giordano Mozzi e Stefania Biacca, su Lancia Lambda tipo 221 Spider. Dietro di loro, in piazza d’onore, ha chiuso l’Alfa Romeo di Autoblog.it, con il nostro Mirco Magni a navigare abilmente l’esperto pilota Alessandro Gamberini.

Questo risultato, conseguito a bordo di una 6C 1750 Gran Sport Zagato, nei colori della squadra ufficiale del “biscione”, ci riempie di gioia, perché lo sentiamo un po’ nostro, essendo della stessa famiglia: quella di Blogo.

Leggere il resoconto della gara fatto da Mirco trasmette vibranti emozioni, per questo vi suggeriamo di dargli un’occhiata, ammirando anche la ricca gallery che accompagna il suo articolo. Per lui è stato il coronamento di un sogno custodito nel cassetto, per noi un motivo di vero compiacimento.

Un’Alfa Romeo identica a quella usata per l’impresa si era imposta due volte nella leggendaria Mille Miglia: nel 1929 con Giuseppe Campari e nel 1930 con Tazio Nuvolari. Questo aggiunge valore al risultato.

Ricordiamo che la rievocazione della "Freccia Rossa" è uno degli eventi più attesi dai collezionisti di auto d’epoca di tutto il mondo. Ogni anno porta a spasso per l’Italia vetture da sogno, come un museo a cielo aperto.

L’edizione 2014 ha sancito il debutto di tante novità, tra cui il percorso con varianti e nuove tappe, oltre a un giorno in più di gara attraverso i centri storici delle più affascinanti città del nostro Paese.

Tra le novità tecniche, l’aumento delle Prove Cronometrate, decisive per le sorti della classifica, che sono state quest’anno ben 74. Inoltre, dopo più di dieci anni dall’ultima volta, sono state introdotte sul percorso sei prove di Navigazione a media prestabilita: un tipo di prova - che richiede di procedere a velocità media costante – poco conosciuta in Italia ma assai diffusa all’estero.

  • shares
  • Mail