Auto: McLaren apre il più grande punto vendita nel Regno Unito

La McLaren apre il quinto punto vendita nel Regno Unito, il ventesimo su scala europea. Qui si trovano i modelli della gamma e tanti servizi.

a:2:{s:5:"pages";a:3:{i:1;s:0:"";i:2;s:19:"McLaren 650S Coupé";i:3;s:19:"McLaren 650S Spider";}s:7:"content";a:3:{i:1;s:493:" mclaren

Auto sportive in vetrina, nel segno della McLaren, per il più grande punto vendita del marchio nel Regno Unito, che offre una ricca gamma di servizi ai potenziali acquirenti. Come sede è stata scelta la città di Ascot, nota su scala mondiale. La concessionaria metterà in vetrina un vasto campionario di vetture, tra cui la 650S Coupé e la 650S Spider. Scopriamole insieme.

";i:2;s:1167:"

McLaren 650S Coupé

McLaren 650 S

La nuova auto sportiva di casa McLaren, battezza 650S, va ad inserirsi fra la MP4-12C e la P1, ma è più vicina alla vettura di accesso alla gamma, rispetto alla quale rappresenta un’evoluzione in termini di contenuti e prestazioni. Anche le forme sono quasi identiche alla entry level, ma il frontale è ora simile a quello della hypercar di Woking, cui si avvicina maggiormente sul piano prestazionale.

Come si evince dalla sigla, il nuovo modello raggiunge quota 650 cavalli di potenza, sprigionati dalla stessa unità V8 biturbo da 3.8 litri della MP4-12C. A renderla più efficace, su strada e in pista, provvedono gli interventi su aerodinamica, assetto e altri elementi del pacchetto tecnico e funzionale.

Progettata e sviluppata per offrire alti standard in termini di lusso, emozioni e piacere di guida, ma anche per regalare un certo appagamento estetico, la 650S mette a frutto 50 anni di esperienza nel mondo delle corse e del motorsport.

";i:3;s:1047:"

McLaren 650S Spider

McLaren 650 S Spider

E' la variante scoperta dell'omonimo modello coupé, rispetto al quale pesa solo 40 kg in più, senza pagare particolare dazio in termini di handling e robustezza strutturale.

La spinta, come sulla versione coperta, è assicurata da un V8 biturbo da 3.8 litri, con 650 cavalli all’attivo, che permettono alla Spider di confermare il tempo della variante chiusa nel passaggio da 0 a 100 km/h, pari a soli 3”, perdendo rispetto ad essa appena due decimi per raggiungere i 200 km/h con partenza da fermo, con 8”6 di tempo complessivo. La punta velocistica sfiora i 330 all’ora.

A renderla più efficace della MP4-12C, su strada e in pista, provvedono gli interventi su aerodinamica, assetto e altri elementi del pacchetto tecnico e funzionale. L’auto sfrutta anche il know-how derivante dal ciclo di sviluppo della MP4-12C e della P1, fra cui andrà a posizionarsi, come modello intermedio della gamma. ";}}

  • shares
  • Mail