Alfa Romeo protagonista del Goodwood Festival of Speed 2014

L’appuntamento inglese è uno dei più amati dai cultori dell’auto. Ogni anno la tradizione si rinnova, con note di grande fascino. Quest’anno un ruolo centrale tocca all’Alfa Romeo.

Alfa Romeo Goodwood 2014

Nell'universo dell'auto quello di Alfa Romeo è un marchio di grande nobiltà, che merita a buon diritto uno spazio importante al Goodwood Festival of Speed 2014. L’evento, come al solito, si svolge nella tenuta di Lord March, dove si potranno ammirare, fermi e in azione, dei modelli da sogno, che farebbero la gioia di ogni appassionato.

La manifestazione del West Sussex è una delle più incredibili a livello mondiale tra quelle destinate alle vetture d'epoca, sportive e da competizione. I presenti sono deliziati da un ricco campionario di gioielli a quattro ruote, in forma statica e dinamica.

Ogni angolo della proprietà viene riempito di capolavori che, singolarmente, farebbero la gioia dei cultori del genere. Figurarsi, poi, quando li si vede insieme, in unico contesto espositivo. Meglio ancora se in azione, nelle mani di grandi assi delle corse, all'opera con la loro classe di guida.

L’edizione 2014 andrà in scena dal 26 al 29 giugno. Ancora una volta sono attese oltre 150 mila persone, tra appassionati, esperti conoscitori, collezionisti e personalità del mondo dell’automobile. Presenti otto vetture Alfa Romeo, storiche e di attuale produzione, che affronteranno il percorso della Goodwood Hillclimb

Al via la la supercar 4C (icona moderna del marchio) e le nuovissime versioni prestazionali Quadrifoglio Verde di Giulietta e MiTo. Al loro fianco cinque preziosi esemplari appartenenti al Museo Storico Alfa Romeo: Gran Premio Tipo B “P3” (1932), Gran Premio Tipo 159 “Alfetta” (1951), 750 Competizione (1955), Giulietta SZ “coda tronca” (1960) e GTA 1300 Junior (1971). L’evento inglese è anche l’occasione per celebrare i 60 anni della Giulietta (1954-2014)

“Guest star”, al volante della GTA 1300 Junior, Toine Hezemans: soprannominato “l’olandese volante”, fu uno dei piloti più vincenti all’inizio degli anni 70 e tra quelli che meglio si sono espressi sulla “GTA 1300 Junior”. Lo spettacolo è pronto per essere vissuto.

  • shares
  • Mail