Admiral’s Cup Chronograph 44: a vele spiegate

admirals

Ci sono gli orologi che vanno sulla luna, quelli che si indossano anche quando si corre a 300 orari. E ci sono quelli che sono un "must" per i velisti. CORUM ha fatto di un nome una filosofia: l'Admiral's Cup lo riconosceresti tra mille: le dodici bandiere nautiche, la cassa a forma dodecagonale, i grandi "piccoli" quadranti per le informazioni secondarie (del cronografo o del ciclo delle maree), la grande impermeabilità (cassa di 44 mm di diametro chiusa mediante 8 viti, così come anche la corona è chiusa a vite per assicurare l’impermeabilità dell’orologio fino a 10 atmosfere). Ma, soprattutto, un livello di classe ineccepibile.

Cronometrista ufficiale del giro del mondo dell’imbarcazione Gipsy Moth IV, partner dei principali eventi Bénéteau, sponsor del recente Campionato Mondiale Melges 24 in Florida, CORUM vanta una posizione di primissimo piano sulla scena internazionale della vela e dello yachting. Ma anche dell'orologeria: per il 2006 l'Admiral’s Cup si arricchisce della versione aggiornata, l’ Admiral’s Cup Chronograph 44. Bellissimo il contrasto tra l'oro rosa della cassa (ma c'è il più "maltrattabile" acciaio) con il caucciù vulcanizzato nero o blu, di concezione assolutamente innovativa e dalla chiusura di sicurezza e fibbia déployante, in oro rosa o acciaio. Raffinato, quindi, e all'altezza del suo blasone: monta un movimento cronometro automatico, certificato COSC, agevola la leggibilità dei dati e le dimensioni delle bandiere nautiche della lunetta sono state ridotte, rispetto ai precedenti modelli, per consentire la visualizzazione dei minuti sul quadrante. Quest’ultimo, laccato in nero opaco come il fondo della lunetta per la versione in oro rosa e in blu opaco per la versione in acciaio, è interamente ricoperto dal vetro zaffiro bombato antiriflesso e presenta due quadranti a ore 9 e a ore 3, per i minuti e i secondi e un contatore più piccolo, alle 6 per le ore, integra la finestrella del datario
Sul lato fondello, attraverso una finestra in zaffiro, si può intravedere la massa oscillante del movimento finemente inciso con una rosa dei venti e così entrare nel mondo segreto dell’orologio.

  • shares
  • Mail