Video di Afrojack al volante di una Bugatti Veyron Grand Sport Vitesse

La carriera è stata fruttuosa per lui, con molti successi professionali, che gli hanno permesso di realizzare tanti sogni materiali.

Afrojack è stato filmato durante una sessione in pista al posto guida di una costosissima Bugatti Veyron Grand Sport Vitesse, condotta ad andatura spedita dal noto disc jockey, produttore discografico e remixerolandese di origini surinamesi.

L’eclettico artista, registrato all’anagrafe come Nick Van de Wall, ama le auto sportive e di lusso. Nel suo garage spicca una Ferrari 458 Spider, che offre a cielo aperto le emozioni della coupé, da cui eredita la scheda tecnica.

La stessa cosa avviene per la Bugatti, supercar alsaziana che offre numeri da primato insieme a infinite possibilità di personalizzazione, per consentire alla ricca clientela di confezionarsi dei prodotti su misura. I prezzi, anche se molto più bassi di quella della leggendaria Royale, restano per pochi eletti, dal momento che volano su cifre milionarie.

Caricamento

Last picture #bugatti #dreamcar #wrc ! Thnx for the ride @dutchbugs

Vedi su Instagram

@-webkit-keyframes"dkaXkpbBxI"{ 0%{opacity:0.5;} 50%{opacity:1;} 100%{opacity:0.5;} } @keyframes"dkaXkpbBxI"{ 0%{opacity:0.5;} 50%{opacity:1;} 100%{opacity:0.5;} }

La Grand Sport Vitesse è una vettura che sfida le categorie convenzionali e trasuda carisma da ogni centimetro di carrozzeria. Si tratta della convertibile più veloce del pianeta, per elargire i brividi della guida all'aria aperta. Solo 150 gli esemplari previsti per questo modello targa, con tetto completamente rimovibile in policarbonato.

Ricordiamo che il debutto della Veyron fu spostato a più riprese, per le complicazioni di un progetto estremamente ambizioso. Quando Ferdinand Piech, boss del gruppo Volkswagen, espresse il desiderio di creare un’auto da 400 km/h, in pochi gli diedero credito. Alcuni maligni sussurrarono che un’avventura del genere avrebbe avuto implicazioni negative sul bilancio della holding.

In effetti il lavoro si rivelò più duro del previsto e i tecnici faticarono molto per mettere a punto un modello che si proiettava in una nuova dimensione, mai esplorata prima. I cambiamenti in corso d’opera e i numerosi rinvii rischiarono di pesare come un macigno sull’immagine del costruttore. All’origine della tormentata trafila i problemi di messa a punto del nuovo strumento di guerra. I col-laudi sembravano non finire mai e le presentazioni alla stampa venivano spesso rinviate.

Le ripercussioni di un flop avrebbero avuto proporzioni bibliche, ma la difficoltà emerse erano già bastate a scatenare l’ironia di tanti. Solo un risultato straordinario poteva cancellare le infelici premesse. Piech lo sapeva e non si tirò indietro, anzi spinse i suoi a fare gli straordinari. Alla fine il prodigio giunse a compimento e la Veyron venne svelata al pubblico, stordito dalle sue innovazioni. Le prime prove della stampa vennero effettuate in Sicilia nel 2005, sul circuito della Targa Florio, per annunciare a tutti che gli autori erano sicuri del fatto loro.

  • shares
  • Mail