Glenmorangie Pride 1981: il whisky incontra il Sauternes



Glenmorangie, distilleria siuata a Tain nelle Highlands e di proprietà del gigante del lusso Luis Vuitton Moet Hennessy, si presenta sul mercato con un 28 anni, il Pride 1981, invecchiato per 18 anni in botti ex-bourbon per gli ultimi 10 in botti che precedentemente avevano ospitato Sauternes Chateau d'Yquem.

Il distillato è stato imbottigliato a gradazione piena (cioè senza essere dilutito con acqua) a 56.7%. Le note di degustazione ci parlano di un color ambrato carico. Al naso profumi di spezie, sciroppo d'acero, nocciola. Al palato vellutato e poi speziato, dolce con sentori di liquirizia, limone e aromi di Sauternes ben definiti. Finale oleoso, balsamico e legnoso.

Ogni bottiglia è firmata dal master distiller di Glenmorangie, l'ormai famoso Dr. Bill Lumsden, il creatore dei whisky "finishing" e cioè affinati in botti particolari nell'ultima parte della maturazione. L'esclusività, oltre alla produzione limitata a sole 1.000 bottiglie, è data dalla particolare confezione, un decanter di cristallo Baccarat creazione dal designer francese Laurence Brabant, racchiusa da una scatola in legno che, una volta aperta, sorregge il decanter in modo molto originale. Il prezzo del Glenmorangie Pride 1981 è di 2.500 euro.

  • shares
  • Mail