Pierre Kunz "Seconde Virevoltante Retrograde"

Il mondo dell'orologeria sembra non conoscere sosta nel realizzare nuovi entusiasmanti modi di visualizzare la danza delle ore, per rendere sempre più straordinaria la visione della misura del tempo.

L'indicazione retrograda è stata da sempre la complicazione preferita di Pierre Kunz, al punto da inserirla in tutti i modelli prodotti dalla sua manifattura. Non sfugge a questa filosofia anche l'ultima creazione, che da questa complicazione prende il suo nome: Seconde Virevoltante.

Colpisce innanzitutto la forma rettangolare della cassa extralarge (misura 43 x 36 cm ed è realizzata in oro rosso, grigio, platino o acciaio) con carrure zigrinata e anse piuttosto "formose".


Il movimento è del tipo meccanico a carica automatica. Alle ore 3 e alle ore 9 prende posto l'indicazione decentrata del tempo: nei due piccoli quadranti, rispettivamente dei minuti e delle ore. Ma è alle ore 6 che Pierre Kunz ha concretizzato l'esito della grande attenzione alla tecnologia e alla maestria artigianale

Quello che, in totale normalità, è il piccolo quadrante dei secondi continui racchiude una primizia: la lancetta dei secondi compie effettivamente un giro completo di 360° in un minuto ma, allo scoccare del minuto stesso la lancetta esegue il percorso inverso in modo istantaneo e si riposiziona sullo 0.

Durante la misurazione, per altro, la lancetta effettua un movimento longitudinale. Questa affascinante modalità di misura dei secondi si completa con l'oscillazione della parola "Geneve" da destra a sinistra all'interno della finestrella alle 12, un vezzo con cui Pierre Kunz ha voluto creare un ideale trait d'union con le pendole di un tempo.

  • shares
  • Mail