Mostra stilografiche rare e preziose a Milano

penne

La penna stilografica ha conosciuto un periodo di particolare splendore nei primi decenni del ‘900, con la produzione di esemplari di straordinaria fattura e preziosità, ora custoditi in collezioni private.

CartExpo, la fiera specializzata in articoli da scrittura e prodotti per il settore cartoleria, grazie alla collaborazione di appassionati collezionisti, ha raccolto oltre 200 esemplari di stilografiche rare e di grande valore che, per la prima volta, saranno esposte in una mostra.

Le maggior parte delle penne che sarà possibile ammirare sono state prodotte da storiche aziende italiane nel periodo 1920-1960. Si tratta di sculture "laminate", ossia in oro con particolari lavorazioni a sbalzo o a incisione sul corpo e sul cappuccio. Insieme all'ingrediente aureo sono presenti altri materiali preziosi.

Gli esemplari selezionati per la mostra presentano notevoli innovazioni tecniche che hanno reso famose nel tempo aziende come Aurora, The King, Ancora, Montegrappa, Tibaldi, F.lli Cavaliere, Kosca, Columbus e altre ancora.

Ogni penna è lavorata a mano ed è stata prodotta in pochissimi esemplari, diventati ormai pressoché unici e contesi dai collezionisti di tutto il mondo. La stilografica vanta sempre una grande cerchia di estimatori che prediligono rimarcare la propria personalità affidando ad essa una parte del proprio stile inconfondibile.

Nella mostra lombarda si avrà l'opportunità di ammirare i capolavori del passato e di riaccendere l’interesse per questo intramontabile strumento di scrittura. Nelle vetrine, i pezzi offerti al godimento saranno presentati con un criterio espositivo cronologico. Ogni penna avrà una piccola scheda con il nome della casa di produzione, la data e le specifiche caratteristiche che renderanno agevole ripercorrere gli stili che si sono succeduti nei decenni.

Fra gli esemplari più straordinari vi sono:

• una Everest (di probabile produzione Safis) del 1930 con un mirabile lavoro a sbalzo sul cappuccio che ricorda la “fucina di Vulcano”
• una Waterman Continental Safety (in produzione fra il 1915-1940) con un complesso lavoro a sbalzo per far emergere putti rinascimentali
• una The King “rientrante” (con pennino retrattile) con un finissimo disegno liberty a sbalzo repoussé su fondo in lacca nera databile 1925
• una penna Etiopia di estrema rarità, deve il suo nome al periodo coloniale, la penna era parte della dotazione degli ufficiali italiani nella guerra in Etiopia fra il 1935 e il ’36.

Per chi volesse approfondire la conoscenza delle stilografiche esposte è disponibile il catalogo illustrato, in vendita nell’area della mostra (10,00 €), mentre nello spazio adiacente, nello stand della rivista Penna, si può prendere visione di questo periodico internazionale e di alcuni volumi tematici.

La mostra sarà aperta al pubblico nei giorni di sabato 21 (dalle 9.30 alle 18.30) e domenica 22 gennaio (dalle 9.30 alle 17.30) 2012, presso Fieramilanocity – Gate 7 (ex Porta 13 v.le Scarampo, Milano). Ingresso gratuito, ma registrazione obbligatoria alla Reception PAD 1.

Via | Cartexpo.it

  • shares
  • Mail