Anonimo spende 3.5 milioni per il pranzo benefico con Warren Buffett

warren

Un ricco uomo d'affari, che preferisce l'anonimato, ha offerto quasi 3.5 milioni di dollari nell'asta di beneficenza per pranzare con il mitico Warren Buffett. Si tratta del nuovo primato assoluto per l'iniziativa. L'asta ha visto dieci persone attivamente impegnate nella corsa all'aggiudicazione, che ha fatto lievitare sensibilmente la cifra finale, portandola a un livello record.

Come successo in precedenti occasioni, le offerte non hanno raggiunto livelli astronomici fin quasi al termine, ma nell'ora conclusiva si è passati velocemente alla somma finale. L'iniziativa, giunta al tredicesimo anno, sostiene la causa di Glide Foundation, un ente caritatevole di San Francisco che, grazie ad essa, ha già beneficiato di 11.5 milioni di dollari per i suoi programmi, il cui scopo è di dare un aiuto agli abitanti più bisognosi della città statunitense.

L'offerta vincente dello scorso anno era stata di oltre 2.62 milioni di dollari ed aveva stabilito il nuovo record assoluto per la bella idea messa in campo dal ricco finanziere americano. Il primato precedente risaliva al 2010, quando si fermò a un livello più basso di 200 mila dollari, mentre il vecchio record stabilito nel 2008 dal finanziere cinese Zhao Danyang con un versamento di 2.1 milioni si collocava al terzo posto. Ora c'è un nuovo riferimento, che fa scorrere indietro i precedenti.

Il vincitore avrà la possibilità di invitare fino a sette amici da portare a tavola insieme a mister Buffet, presso il ristorante Smith & Wollensky di New York. Ricordiamo che la Glide Foundation, cui andrà l'intero incasso dell'asta, opera nel distretto di Tenderloin ed aiuta prevalentemente i senzatetto. Qui prestava servizio di volontariato la signora Susan, moglie del paperone a "stelle e strisce" che promuove annualmente questa importante raccolta fondi.

Buffett è impegnato in prima linea sul fronte della filantropia, dove insieme a Bill Gates ha dato prova di grande altruismo, non soltanto con le donazioni e gli impegni assunti personamente, ma anche attraverso l'opera di sensibilizzazione svolta presso altri miliardari.

Via | Vancouversun.com

  • shares
  • Mail