Eduardo Wongvalle: una borsa, un modo di essere



La "sac de voyage" disegnata da Eduardo Wongvalle incrocia la funzionalità della messenger bag con il buon gusto della weekender bag, debuttando a Pitti Uomo con un must-have realizzato in vitello naturale beige cipriato, con cinghie in pelle e cuciture in stile saddlery.

Una borsa che esprime, attraverso i dettagli, la filosofia del brand che ha scelto il made to measure per tagliare su misura un modo di essere caratterizzato da un appeal versatile e contemporaneo, quello di un uomo abituato a viaggiare che ha bisogno di una bag chic ma allo stesso tempo funzionale.

In poche parole si tratta di un'opera dai volumi importanti, di grande esprit, ideale per una lunga giornata in giro per la city, ma anche di una "two days bag" abbastanza grande da ospitare il cambio per il weekend, che diventa necessaria per il treno o per l'aereo con lo spazio giusto per libri, quotidiani, moleskine e iPad.

Eduardo Wongvalle, dopo esser stato direttore creativo per la parte accessori e pelletteria di prestigiose aziende della moda quali Bottega Veneta, Bvlgari e Ungaro, ha debuttato con una linea di borse, firmata con il suo nome, presentata in occasione dell'ultima Milano Moda Donna.

Via | Cegmaxicom.it

  • shares
  • Mail