Denti in diamante per i rappers americani

paul wall denti diamanteMedaglioni dorati appesi a dozzine al collo fanno pendant con una cascata di oro e diamanti sui denti. Benvenuti nel «bling style», fatto di gioielli esagerati, arditi e appariscenti. Il nome è onomatopeico: richiama il suono dello scintillio dei preziosi.

Roba da star del rap, che per prime hanno portato il lusso nello stile di strada? Non soltanto. Dopo che Nelly e Paul Wall hanno scalato le hit parade d'Oltreoceano questo mese con "Grillz", quello di incastonare gioielli luccicanti sopra i denti non è più soltanto un fenomeno da videoclip e riviste patinate.

Canta Paul Wall: "Mi sono messo i soldi in bocca, ho fatto diventare la mia bocca come una palla a specchio". Anche Funari qualche anno fa diceva di aver speso quanto un monolocale per la sua dentiera, ma non aveva pensato di trasformare i denti in una palla da discoteca. Per chi non ha presente, stiamo parlando del simbolo degli anni 70: bastava farle ruotare su se stesse, investirle con un fascio di luce e l’ambiente si riempiva dei riflessi. L'inno alle dentiere di diamanti cantata da Nelly e Wall ha fatto diventare quella che era un vezzo artistico una vera e propria moda, racconta oggi il Los Angeles Times.


Il bling, con il suo uso generoso di preziosi sopra le gengive, anelli spessi con enormi gemme, orecchini grandi a cerchio, ha infatti contagiato la strada. E lo stesso Wall a parlare di boom oltre il mondo hip-hop. Il rapper infatti nel '98 ha aperto una gioielleria «bling» a Houston, la «Tv Jewelry». All'inizio acquistavano soltanto star del rap come Kanye West, che nasce come produttore di gioielli, il rapper-produttore-stilista Sean Diddy Combs, Usher, Snoop Dogg, Lil Jon, Thug Mike Jones e Bun B. Ora, racconta, ci sono persino dei tredicenni tra i clienti.
Non male in quanto a lusso sfrenato, ma ci permettiamo di essere tradizionalisti: diamanti si, ma al collo di una bella signora.
[ Via: Corriere.it ]

  • shares
  • Mail