Barca Rancraft RD SETTE: personalizzazione a costi contenuti

Anche le piccole imbarcazioni possono avere il loro fascino, a volte legato ai contenuti innovativi.

rancraft-rd-sette-03.jpg

Rancraft lancia “RD SETTE”, una barca progettata per essere modulare in fase di realizzazione e assolvere a più funzioni. La flessibilità consente di creare diverse varianti: open, walkaround-cabinato, pesca sportiva, pesca professionale.

La filosofia è la stessa di RS 17 (ultima nata del cantiere) per la parte estetica e le opzioni di personalizzazione. Il risultato è una barca ad hoc per chi desidera scegliere l’allestimento, il colore, gli accessori e persino le finiture, il tutto a costi contenuti. Ne deriva un carattere unico, anche nella produzione in serie.

Questa creatura esce dal cantiere con una ricca dotazione di accessori che è possibile incrementare ulteriormente seguendo ogni possibile gusto e necessità, un po’ come succede dal concessionario di fiducia in sede di acquisto di una vettura utilitaria di lusso. 

Le murate sono alte e sicure ed è presente un doppio tientibene a protezione sia dei camminamenti sia  del prendisole prodiero. Il progetto ha evidenziato una larghezza maggiore del pozzetto in confronto ad imbarcazioni similari per agevolare l’attività della pesca sportiva.

I punti di forza di “RD SETTE” sono però attribuibili alle doti tecniche. L’opera viva infatti si avvale del brevetto Rancraft IHC (acronimo di Innovating Hull Concept) in grado di garantire non solo livelli prestazionali di assoluto valore ma consumi ridotti e comfort di navigazione. 

La barca è strutturata per essere equipaggiata una doppia motorizzazione fuoribordo di ultima generazione ma anche semplicemente con un motore da 200 HP capace di garantire prestazioni di tutto rispetto.

Il disegno di carena è caratterizzato da uno step trasversale che diminuisce l’attrito idrodinamico dello scafo sulla superficie dell’acqua agevolandone la planata ed il mantenimento della stessa a basse velocità.

Il principio idrodinamico di questo particolare step garantise una ventilazione costante delle linee d’acqua mediante prese d’aria laterali. La pressione dell’aria tra la superficie dell’acqua e la carena stessa diminuisce la resistenza all’avanzamento dovuta all’attrito. Tutto ciò si traduce nell’aumento delle performances, nell’incremento del comfort di navigazione e nella diminuzione dei consumi.

Via | Press Office

  • shares
  • Mail