Formetor di Majorca: l'hotel di lusso delle star

Alcuni complessi ricettivi hanno un fascino magico, che nasce dalla bellezza e dalla storia. A volte, in essi, si coglie lo spirito glamour di chi li ha frequentati.

formentor.jpg

Il Formetor di Majorca è un hotel di lusso che profuma di classe. Questo iconico complesso ricettivo a 5 stelle della catena Barcelò H&R ha ospitato nei suoi ambienti un ricco ventaglio di divi e personaggi che hanno caratterizzato la storia del ‘900, come Grace Kelly, Charles Chaplin, Winston Churchill, Audrey Hepburn, Gary Cooper, Cary Grant e John Wayne, solo per fare alcuni nomi.

Non solo attori di Hollywood ma anche politici, nobili, artisti e leader internazionali hanno soggiornato fra le sue mura, dove non sono mancate le teste coronate. Una parata di stelle che è proseguita negli anni, premiando il fascino dell'impianto, che si è giovato a sua volta della nutrita passerella di star.

Alcuni sceicchi arabi, come l'emiro di Abu Dhabi, hanno occupato la Suite 113. Le guardie del corpo vegliavano giorno e notte sugli ingressi e sul cancello. Si narra che quest’ultime non abbandonassero mai i loro posti, al punto che si nutrivano e cambiavano di abiti senza allontanarsi dalla postazione.

L’entourange dell’emiro occupava un intero piano dell’hotel e lo sceicco si innamorò del posto al punto da iniziare una trattativa per l’acquisto dell’intera penisola.

La più recente “apparizione” dell’hotel Barcelò Formentor sugli schermi di tutto il mondo è stata nel film Cloud Atlas (con Halle Berry, Tom Hanks, Susan Sarandon e Hugh Grant). Anche i fratelli Wachowski (i creatori della trilogia di Matrix), si sono dovuti arrendere alla bellezza di questo paesaggio, che aveva già sedotto altri registi in cerca di ispirazione.

Infine, ricordiamo ancora Audrey Hepburn, Gary Cooper, Cary Grant, Peter Ustinov, John Wayne, Claudia Cardinale: l'elenco dei divi del cinema che sono passati da questo hotel non ha davvero fine, cosa che rende il Barcelò Formentor un posto ancora più unico ed esclusivo.

Via | Press Office

  • shares
  • Mail