Lamborghini Road Monument: concorso internazionale di architettura

Per sottolineare la connessione con il territorio, la casa di San’Agata Bolognese indice una gara d’arte su scala planetaria.

lamborghini.jpg

Lamborghini è intimamente legata alla città di Sant’Agata Bolognese. Per celebrare il rapporto, il celebre marchio automobilistico italiano lancia un concorso internazionale di architettura, battezzato “Lamborghini Road Monument”. L’obiettivo? Scegliere il meglio per la realizzazione di due installazioni ispirate allo stile e alla storia del “toro” a quattro ruote.

Giovani architetti, designer e studi di progettazione si sfideranno nella realizzazione di opere destinate a valorizzare gli accessi alla località che ospita gli stabilimenti produttivi. L’obiettivo del concorso è offrire una nuova identità al territorio con installazioni che lascino il segno nell’architettura contemporanea attraverso l’interpretazione della filosofia Lamborghini, imperniata sull’essere visionaria, all’avanguardia nella tecnologia e pura nelle soluzioni stilistiche.

Il concorso, in collaborazione con YAC, Young Architects Competitions, gruppo leader nella promozione di concorsi di architettura, e patrocinato dalla Regione Emilia Romagna, dalla Città Metropolitana, dal Comune di Sant’Agata Bolognese, dall’Accademia di Belle Arti di Bologna e da Unindustria Bologna, si avvale di una giuria internazionale d’eccezione.

Quattro studi di architettura di fama mondiale, come Zaha Hadid Architects, Studio Fabio Novembre, Studio Libeskind, Foster + Partners, valuteranno gli elaborati insieme a Francesco Dal Co, Direttore di Casabella, Giuseppe Cappochin, Presidente dell'Ordine Nazionale degli Architetti, Annalisa Trentin dell’Università degli Studi di Bologna e Stefano Domenicali, Chief Executive Officer di Automobili Lamborghini. Il concorso prevede alcuni vincoli nell’elaborazione del progetto di installazione, tra cui il pieno rispetto del territorio e dell’ambiente. Le proposte dovranno prediligere l’impiego di materiali non inquinanti e tecnologie eco-sostenibili.

Via | Press Office

  • shares
  • Mail