Intervista a Domenico Crolla, ideatore della Pizza Royale

domenico crollaDomani, 5 gennaio 2007, uscirà nei cinema italiani, l'ultimo film della saga di James Bond, Casino Royale.

Abbiamo incontrato ed intervistato Domenico Crolla, chef italo-scozzese ideatore della Pizza Royale che altro non è che un tributo al personaggio 007 ed a quest' ultima pellicola.


Domenico Crolla, ci parli di lei.
Sono titolare di tre ristoranti a Glasgow, due Italmania e un ristorante Bella Napoli. Siamo ristoratori in Scozia da 3 generazioni, i primi ad aprire una pizzeria "da asporto" in Scozia. Sono cresciuto tra i tavoli e la cucina, diventare chef è stata la naturale evoluzione.


Come le è venuta l'idea della Pizza Royale?
C'era una competizione per la pizza più costosa a Londra, si chiama Pizza Designer. In quei giorni Londra era tappezzata di cartelloni pubblicitari per l'uscita del film di James Bond. Si tratta di un personaggio che mangia, beve, veste e guida cose molto costose. Ho legato le due idee ed ho vinto il concorso. Di solito la pizza più costosa si aggirava sulle 300 sterline, la mia è stata venduta a 3,000, 4,500 euro circa.


È riuscito a venderla?
Sì, all'asta. Ci sono state circa 4,000 persone che hanno visitato l'asta su internet, 600 hanno anche fatto un'offerta. Alla fine è stata aggiudicata ad un avvocato romano, al quale sarà consegnata, molto probabilmente, il 5 gennaio.


Come ha operato la scelta degli ingredienti?
Ci sono molti siti internet dedicati a quello che mangia James Bond. Ho fatto una ricerca ed ho utilizzato le cose più esclusive e costose, visto l'intento della competizione a cui partecipavo. Ho utilizzato il famoso Dom Perignon del '58, un Remy Martin Cognac Louis VIII da 1,300 sterline a bottiglia abbinato all'aragosta, Vodka e Martini con pregiato salmone scozzese e così via, il tutto decorato e ricoperto di sottili scaglie d'oro, completamente commestibili. È una pizza dal gusto molto ricco, forse troppo per una sola persona ma è riuscita a vincere il concorso e riscuotere successo nei media internazionali.


Mi parli di questa attenzione riscossa a livello internazionale.
Prima della Pizza Royale, cercando su Google il mio nome, non si trovava praticamente nulla, ora ci sono circa 68,000 risultati. Il nome ha fatto la sua parte, sono stato fortunato perché parte del titolo del film si sposava bene a dare il nome ad una pizza costosa e così l'attenzione per la pellicola che vede protagonista Daniel Craig è stata in parte dedicata anche alla mia creazione. Sono stato contattato dalla televisione australiana di lingua italiana, dalla BBC per partecipare ad un format e, grazie a questo successo, sarò il primo italiano nato all'estero a fare da giudice ai Campionati Mondiali della Pizza che si svolgeranno a Montecatini, un ruolo di cui sono profondamente onorato. Mi ha inoltre contattato anche il Burj Al Arab di Dubai che vorrebbe mettere la mia pizza nel menu di uno dei suoi ristoranti.


Questo successo le deve aver aperto diverse porte, ha progetti per il futuro?
Il mio grande sogno è scrivere un libro dedicato alla Pizza. Un libro in cui magari personaggi famosi scrivino due righe su quale è la loro pizza preferita. È un sogno che si sta avvicinando ed è molto probabile che riesca a farlo diventare realtà. Sarebbe un grande onore, per me, pubblicarlo anche in italiano. Per il resto, mi recherò a Las Vegas per partecipare ad un'altra competizione. Questa volta dovrò preparare 3 portate per 6 persone utilizzando 40 ingredienti standard e 3 a mia scelta. In questa scelta volevo coinvolgere i lettori italiani del vostro blog. Sarei lieto di ricevere consigli su tre prodotti della nostra terra, anche semplici, ma che si possono trovare solo in Italia, da utilizzare nella competizione di Las Vegas.


Ringraziamo di nuovo Domenico Crolla per averci concesso questa intervista, in occasione della sua visita a Roma e vi invitiamo a suggerire a questo chef italiano, nato in Scozia, 3 ingredienti speciali, nostrani che lo aiutino a vincere anche a Las Vegas, affermando anche in quel contesto le capacità curinarie italiane chissà che non vi regali una delle sfoglie d'oro che ha utilizzato per la realizzazione della pizza.

domenico crolla

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: