Yacht Sessa Marine Explorer 64 by CentrostileDesign

CentrostileDesign presenta Explorer 64 Sessa Marine: dalla prua agli ambienti interni, un nuovo modo di concepire la vita in mare.

Abitare il mare, all’interno di ambienti caldi e confortevoli come quelli di casa propria: è questa l’idea che ha ispirato CentrostileDesign per il nuovo yacht Explorer 64 Sessa Marine, progetto offerto in anteprima mondiale al pubblico del Boot di Düsseldorf 2017.

Alla base del concept sta un nuovo modo di vivere il mare, di cui si coglie tutta la bellezza in qualsiasi momento della giornata. Va in questa direzione il design degli ambienti, generosamente dimensionati: al main deck un ampio salone, una cucina e una timoneria, mentre al lower deck adibito a zona notte si trovano una camera armatoriale a doppio baglio con accesso privato, una cabina ospiti e una cabina vip con i rispettivi bagni.

Spazi nei quali la luce naturale proveniente dall’esterno diventa protagonista, grazie all’ampia finestratura a nastro sullo scafo ed alla vetrata laterale del salone principale, che sfrutta il concetto di “through house” per instaurare una costante relazione tra ambienti interni e scenari esterni. Allo stesso modo, il progetto degli arredi, decisamente di alto livello, vuole ricreare il comfort e l’intimità di un’abitazione, oltre a dare all’armatore la possibilità di personalizzare il proprio spazio. Comfort ed accoglienza sono le linee guida anche del progetto degli spazi esterni, con una terrazza di 80 mq e due ponti dedicati agli ospiti, ideali per il relax in ogni momento della giornata.

Quello di Explorer 64 è un progetto nel quale l’estetica propria di un superyacht sposa la funzionalità, con soluzioni ergonomiche innovative come il design della prua: le sue linee dritte, che si contrappongono ad una poppa morbida e capiente, sono il frutto di attenti calcoli in fase di progettazione per un risultato in grado di fendere le onde, dissipandone l’energia, e di garantire così una navigazione sicura, confortevole ed economica in qualsiasi condizione, anche con mare formato. L’imbarcazione, inoltre, gode di un’autonomia di oltre 3mila miglia, grazie anche a serbatoi capienti (4500 litri) e ad un’ampia area di stoccaggio materiale.

  • shares
  • Mail