Saloni Nautici di Cannes e Monaco 2017: ISA Yachts 120 Clorinda in Costa Azzurra

I saloni nautici della Costa Azzurra faranno da sfondo allo sbarco in società del nuovo yacht ISA.

Presentazione ufficiale del nuovo yacht di lusso ISA Sport 120 Clorinda ai Saloni Nautici Internazionali di Cannes (12-17 settembre) e Monaco (27-30 settembre). Nei due prestigiosi eventi della Costa Azzurra, che nel 2017 rinnovano la nobile tradizione, è atteso il debutto internazionale di questo gioiello nautico di 37 metri, undicesimo superyacht della rinomata serie "Isa Sport 120".

L'esemplare, varato ad Ancona nel mese di luglio, si distingue dai precedenti della stessa gamma per l'introduzione di alcuni elementi stilistici (come le potenze laterali con superfici vetrate nere inserite a scafo e le linee di bellezza grigie) e funzionali (fra cui spiccano il nuovo prendisole a prua e uno skylight con pannello oscurante per aumentare la portata di aria e luce nella cabina armatoriale).

Per il resto, Clorinda fa tesoro del repertorio di famiglia, mettendo a frutto le qualità di un progetto che mira a soddisfare le esigenze di un armatore amante dell'eleganza e delle prestazioni sportive, unite ad un'elevata vivibilità esterna e alla comodità degli ambienti interni tipiche di un cruiser ad un ponte e mezzo.

Caratteristiche tecniche e funzionali

isa-120-sport-hdr_owner_2.jpg

L'impianto architettonico è concepito per valorizzare la relazione con l'ambiente naturale, arricchendo le aree del ponte destinate al contatto con l'acqua e alla godibilità della luce solare. Il rapporto tra spazi esterni e interni è assai equilibrato: le grandi terrazze sul mare, il pozzetto e il flying bridge hanno il loro corrispettivo nell'enorme salone interno, luminosissimo, e nelle ampie cabine. Gli interni, totalmente personalizzabili, beneficiano di un sapiente utilizzo della volumetria: la cabina armatoriale, ad esempio, è su due livelli che permettono di sfruttare al meglio la sezione prodiera del main e del lower deck.

Il disegno, costruito su un profilo molto slanciato per un motoryacht fly bridge, è connotato da tratti molto essenziali e da soluzioni volumetriche forti che gli conferiscono un'espressività quasi scultorea. Notevole la tensione dinamica, che rende ancora più gradevole questo yacht, dotato di un allestimento molto riuscito. Alla spinta provvedono 3 motori Mtu 16V 2000 M96 da 1.790 kW ciascuno, accoppiati a 2 idrogetti e a 1 booster centrale KaMeWa.

  • shares
  • Mail