Primo Apple 1 di Steve Jobs venduto all'asta per 500mila euro

Primo pc Steve Jobs venduto asta record

Steve Jobs fa parlare di sè ancora una volta, in modo eclatante. Il genio informatico che ha contribuito a cambiare tutta la percezione della comunicazione nel nostro mondo moderno torna sulle scene delle aste internazionali grazie ad un'altra vendita record; quella del primo pc creato dal fondatore della Apple, un Apple 1 battuto per l'esorbitante cifra di 500mila euro. E pensate che questo antenato preistorico degli attuali devices ipertech della Apple, costava allora solo 666 dollari, ed era disponibile in soli 200 esemplari, venduti porta a porta proprio dal grande Steve Jobs (allora sconosciuto) in persona.

L'Apple 1 nasce nel lontano 1976, quando ancora Mac, iPad e iPhone erano solo miraggi di orwelliana memoria. Un computer primordiale con una potenza di calcolo pari a quella di una normale calcolatrice dei giorni nostri. Un'estetica minimal e basica, che può far abbozzare un sorriso nell'attuale era digitale, per un personal dotato di processore da 1 MHz a cui erano abbinati 4 Kb di Ram. Ma senza entrare in dettagli troppo tecnici, questo pc costruito agli albori dell'epoca tecnologica è una chicca per esperti collezionisti, ed infatti uno di loro ha sborsato una cifra ingente pur di averlo.

Correvano gli anni dell'american dream, quando un giovane Steve Jobs con l'aiuto di Steve Wozniak progettò l'Apple 1 nel suo garage di periferia. Da quell’idea, improbabile per i contemporanei, Steve diede alla luce un impero, la Apple, un colosso dal fatturato annuale di 600 miliardi di dollari.

Sappiamo tutti bene cosa sia nato in quello scantinato durante gli anni settanta, un cambiamento universale e un personaggio che resterà sempre nel mito, uno step nello sviluppo umano da cui è impossibile tornare indietro. Un salto nel buio e allo stesso tempo nell'infinito. Per tutto questo un collezionista anonimo ha pagato il rarissimo Apple la bellezza di mezzo milione di euro.

Foto | Getty Images
Via | pctunes

  • shares
  • Mail