Grand Hotel et des Palmes, un pezzo di storia di Palermo

hdpalmesIl Grand Hotel et des Palmes nacque nel 1874 dalla vecchia "Casa patrizia" degli Ingham-Withaker, costruita nel 1856. Successivamente l'immobile venne ceduto ad un operatore locale, Enrico Ragusa, che lo trasformò in albergo.

Nel 1907, Ernesto Basile, uno dei maggiori esponenti dello stile Liberty, intervenne con delle modifiche, caratterizzando la Hall (che può essere considerata fra le più belle d'Europa), il "Salone caminetto" il cui soffitto, intarsiato da decoratori Inglesi, è simile a quello di "Palazzo Montecitorio", sede del Parlamento Nazionale, anch'esso di Basile. Il Grand Hotel et des Palmes ha ospitato grandi artisti, uomini politici e personaggi influenti.

In esso si è scritta la storia Sicilia: nel 1882, da questo albergo, Francesco Crispi impartiva lezioni di politica, mentre rimase famosa la cena a 12 portate servita a Vittorio Emanuele Orlando.

despalmesh

Richard Wagner, che giunse il 5 novembre del 1881 in compagnia della moglie Cosima Listz, vi completò il suo "Parsifal": l'albergo conserva, ancora intatta, la poltroncina dove sedeva il maestro per comporre. Jose Enrique Rodo, insigne scrittore uruguaiano, nel 1917 scrisse le sue ultime pagine nel suo soggiorno alle "Palme". Lo scrittore francese Raymond Roussel vi rimase a lungo, sino alla sua morte che avvenne nel 1933. Per gli alleati diventò la sede del quartier generale del comando per l'Italia e Charles Poletti ne fece la propria dimora. Infinito l'elenco dei Vip che, nel corso degli anni, hanno villeggiato in questa magnifica oasi del lusso.

Le 172 Camere e le 8 Suites, offrono la possibilità di un soggiorno in ambienti prestigiosi, in un’atmosfera unica, pregna di storia, fascino ed eleganza, assicurando una combinazione ideale fra tradizionale eleganza e moderna tecnologia. L'hotel in questi ultimi anni ha visto rinascere gli spazi comuni, i ristoranti, la hall e buona parte delle camere, attraverso un'accurata ristrutturazione che lo ha riportato agli antichi fasti.

Via | Cormorano.net

  • shares
  • Mail