David Gilmour rifiuta 125 milioni di sterline per riformare i Pink Floyd

davgilmSono tante le band veramente famose che si sono sciolte e che, nonostante i tentativi fatti da più parti, non sono più riuscite a ricomporsi.

Anche i mitici Pink Floyd non sembrano sottrarsi a questa sorte, visto che David Gilmour non pare intenzionato ad accettare l'offerta di 125 milioni di sterline per risanare lo strappo con lo storico gruppo. Il celebre chitarrista ha detto ancora una volta no, dimostrando disinteresse per una cifra forse non abbastanza grande per stuzzicare il suo appetito.

L'abbraccio del quartetto alla fine del Live 8 del 2005 aveva fatto sperare in una riconciliazione. Ma Gilmour si era subito dimostrato scettico, dichiarando di non aver alcuna intenzione di tornare a fare dischi con Roger Waters, Nick Mason e Rick Wright.

Secondo quanto scrive il Daily Express, l'artista avrebbe detto: "Posso reggere per un concerto, ma non per un intero tour". Riferendosi alla proposta milionaria ha poi aggiunto: "A chiunque sembrerà assurdo che io rifiuti certe offerte, e quando ero povero non le avrei rifiutate neanch'io così facilmente. Ma la vita mi ha trattato bene. Dicono che ogni uomo abbia un prezzo, e forse è vero, ma qualunque cifra sia stata offerta, non è il mio prezzo".

Via | Musicalnews.com

  • shares
  • Mail
13 commenti Aggiorna
Ordina: