Banca d'Inghilterra, lingotti d'oro crepati nei caveau

ling1Numerosi lingotti d'oro custoditi nei caveau della Banca d’Inghilterra presentano fessure e crepe.

Secondo alcuni esperti il problema sarebbe imputabile ad una contaminazione all'origine con altri metalli (quindi ad una scarsa purezza) ma, a giudizio di un portavoce dell'istituzione finanziaria londinese, si tratterebbe di una conseguenza dell'azione ossidante del tempo.

In ogni caso il danno potrebbe esssere recuperato attraverso una nuova fusione in un impianto di raffinazione. Intervento, quest'ultimo, in grado di assumere livelli di costo significativi.

Tutto dipende dalla quota di stock vittima del problema. Le riserve auree inglesi, nel complesso, ammontano a 320 tonnellate, per un valore di mercato di circa 6 miliardi di euro.

Via | Corriere.it

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: