Un Backgammon per i sultani più ricchi del pianeta


Questo Backgammon merita almeno la definizione di pezzo d'arte. Disegnato dal maestro Bernard Maquin, sfoggia uno stile che parla le lingue esotiche dei paesi dell'est.

D'altronde si ritiene che le origini del gioco siano mesopotamiche. L'ispirazione dell'autore si è spinta verso il mondo delle "Mille e una notte", con motivi geometrici di taglio orientale.





Per ottenere l'effetto più luminoso sono stati impiegati 61.082 diamanti neri, bianchi e gialli. A questi vanno aggiunti grandi quantitativi di oro e argento, degni del suo splendore.

Questo straordinario gioiello, che è già passato di mano lo scorso anno, ha richiesto 10 mila ore di intenso lavoro. Il prezzo? Roba da contrattazione privata ai più alti livelli...

Via | Gemstoneking.net

  • shares
  • Mail