Ritter Royal Flora Aurum, il basso più caro del pianeta

basso

Jens Ritter produce bassi riservati a una elite di cultori in grado di sborsare più di 6 mila euro per uno strumento costruito con tecniche simili a quelle impegate per rendere unici i violini Stradivari.

Ma, anche di fronte a tanta eccellenza, c'è chi non si accontenta. Un cliente ha chiesto al liutaio tedesco qualcosa di ancora più esclusivo, stimolando la nascita del più costoso basso elettrico del mondo.

Si tratta del Ritter Royal Flora Aurum, che ha un corpo scolpito su un raro e solido pezzo di acero, mentre il nut è plasmato con l'avorio di un mammut risalente a 10 mila anni fa. La tastiera è decorata con un intarsio floreale, denso di oro 24 carati.

Anche il ponte e le manopole sono di aurea fattura. Questo gioiello, impreziosito da elementi in platino e da 3.3 carati di diamanti, ha un valore di 100 mila dollari.

Via | Most-expensive.net

  • shares
  • Mail