Asta milionaria per le auto del museo Peugeot

asta peugeot

Si è conclusa con successo la vendita all'asta di alcune auto del museo Peugeot. Aggiudicati 92 dei 93 lotti offerti, per un incasso superiore ai 2.5 milioni di euro, come riferiscono i colleghi di Autoblog. La quotazione più alta è stata spuntata da una Sport-Prototipo 905 del 1991, che è passata di mano per 700 mila euro.

In tempi di vacche magre, le case automobilistiche cercano di recuperare l’equilibrio finanziario con delle scelte dolorose. La Peugeot, per concorrere alla causa del bilancio, si è liberata di parecchi modelli della galleria di Sochaux, in una sessione di vendita il cui catalogo è stato arricchito da vetture provenienti da collezioni private.

La struttura espositiva del Leone Rampante mette in vetrina centinaia di esemplari, alcuni dei quali vengono ceduti per il rimpiazzo. Si tratta di doppioni o di modelli meno significativi, sacrificati per aggiornarne i contenuti. Ma in questo caso l'alienazione è stata più corposa, per ragioni di carattere economico.

I collezionisti hanno accolto con entusiasmo l’invito, anche sulla scia del recente successo alla 24 Ore di Le Mans. Dopo quello della regina, spicca il valore di una 205 Turbo 16 Evo 1 ex Vatanen, venduta per 223 mila euro. Prezzi elevati anche per una 205 T16 Grand Raid (180 mila), una 405 T16 Grand Raid del 1988 (120 mila) e una 184 Coach del 1927 con carrozzeria Gangloff (80 mila).

L'asta ha pure assegnato uno dei due esemplari della concept car Oxia del 1984 (120 mila), una Peugeot 504 allestita in occasione di un viaggio di papa Giovanni Paolo II (9.5 mila) e due Formula 1 Jordan-Peugeot del 1995 e 1996 (rispettivamente 75 mila e 65 mila euro).

Via | Quattroruote.it

  • shares
  • Mail