Renzo Rosso e il made in Italy: la linfa vitale del credito per merito

Renzo Rosso, patron Diesel, re di un polo di lusso da 1,7 miliardi di ricavi, lancia una proposta che potrebbe dare un forte stimolo alla produzione del made in Italy di livello: una linea di credito di 50 milioni di euro a tassi particolarmente agevolati per le aziende più virtuose.

Renzo Rosso è il famoso patron della Diesel ed è uno dei più acuti e geniali imprenditori italiani. Nel portfolio del suo gruppo ci sono attualmente 6 licenze per un totale di 50 collezioni dei più prestigiosi luxury brand, tra cui Maison Martin Margiela, Viktor&Rolf, Dsquared2, Vivienne Westwood, Marc Jacobs, Marni e Just Cavalli. Nel 2012 il gruppo di Renzo Rosso ha chiuso con un fatturato di 1,5 miliardi di euro, in crescita a doppia cifra. Un polo del lusso in continua espansione grazie alla filosofia del suo vate: Only The Brave (solo i coraggiosi).

E se da una parte troviamo un altro colosso, la LMVH di Arnault, società francese che sta facendo razzia (e con i saldi) di marchi storici italiani di gran pregio (Loro Piana, Bulgari, solo per citarne alcuni); questo imprenditore sfida le sabbie mobili e lancia un progetto che potrebbe rivitalizzare e dare finalmente uno scossone ad alcune aziende paralizzate dalla recente crisi economica.

SI tratta dell’operazione C.A.S.H. (Credito Agevolato – Suppliers Help), presentata questa mattina a Milano. Il progetto che ha origine da un accordo firmato da Staff International, azienda del gruppo OTB e Ifitalia che fa capo al gruppo Bnp Paribas, si rivolge agli attori della filiera produttiva legati da rapporti di lavoro con le aziende del Gruppo.

Una linea di credito che può raggiungere i 50 milioni di euro e che viene decisa esclusivamente per merito. Chi potrà usufruirne? Dai fornitori di materie prime come tessuti e accessori di produzione, ai fornitori di prodotto commercializzato, ai laboratori di façon, fino a tintorie, lavanderie e stirerie. Il requisito è distinguersi per precisione, costanza e affidabilità.

L'unicità di questa iniziativa che vuole riportare in alto il made in Italy delle eccellenze è proprio questa. Il merito è la condizione imprescindibile per la concessione delle agevolazioni. I voti con cui verranno valutate le aziende sono la somma di qualità, affidabilità e partnership, in termini di materie prime utilizzate, puntualità nella consegna delle forniture e precisione nelle comunicazioni e nell’assistenza tecnica. Il rating verrà aggiornato ogni sei mesi e costituirà anche una sorta di marchio di garanzia per le aziende più virtuose.

Renzo Rosso punta sul fare sistema per stimolare la crescita delle piccole imprese della filiera all'interno del macro gruppo, come definisce lo stesso imprenditore vera eccellenza del made in Italy e a dare nuove forze alla produzione di pregio italiana.

Via | Adkronos

  • shares
  • Mail